Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x

TRONCARAMI BATTENTE “PROFESSIONAL” BAHCO 85 CM ART. P172-SL-85

StampaEmail
Troncarami per il taglio di rami secchi e duri. Il meccanismo a leva di cui è dotato raddoppia la forza applicata. Taglia rami fino a 40 mm. Molto leggero.
TRONCARAMI-PROFESSIONALI-PROFESSIONAL-BAHCO-RAMI-SECCHI-P172-SL-85TRONCARAMI-PROFESSIONALI-PROFESSIONAL-BAHCO-RAMI-SECCHI-P172-SL-85

Prezzo (IVA inclusa)€ 84,50
Disponibilità in magazzino: 2 Pz.
24h.gif
Produttore: BAHCO
TRONCARAMI-PROFESSIONALI-PROFESSIONAL-BAHCO-RAMI-SECCHI-P172-SL-85
TRONCARAMI-PROFESSIONALI-PROFESSIONAL-BAHCO-RAMI-SECCHI-P172-SL-85
TRONCARAMI-PROFESSIONALI-PROFESSIONAL-BAHCO-RAMI-SECCHI-P172-SL-85
  • Troncarami a battente, per legno secco e duro.
  • Il meccanismo a leva aumenta del 50% la forza applicata e permette di tagliare rami fino a 40 mm di spessore.
  • Lama con rivestimento in Xylan per una ridotta frizione durante il taglio.
  • Manici in alluminio leggero, con rivestimento per una presa confortevole.
  • Peso: 1,22 Kg.

Perchè scegliere la Bahco?

La Bahco è una rinomata azienda Svedese produttrice di utensili professionali progettati e realizzati da SNA Europe.
I 150 anni di storia, la grande esperienza acquisita, la continua innovazione sono gli elementi che hanno permesso alla Bahco di far parte delle aziende leadership nella costruzione di attrezzi professionali.
La Bahco offre una vastissima gamma di attrezzi che spaziano dal mondo della meccanica a quello del giardinaggio.
Cura e precisione sono gli elementi che caratterizzano nettamente i prodotti Bahco.


Consigli per la scelta, l'uso e la manutenzione del troncarami:

E’ importante considerare prima di tutto l’utilizzo che dovremo fare perché, a seconda delle tipologie di impiego, varia il tipo di troncarami ideale.
Ricordatevi inoltre che la potatura di un ramo produce una ferita alla pianta e per permettere che il taglio si rimargini rapidamente evitando così l'espandersi di eventuali malattie, il taglio deve essere il più netto e preciso possibile, per questo deve essere utilizzato il giusto attrezzo.

Le lame.
Esistono due tipologie di lame:
passanti: per il taglio di rami verdi;
battenti: per tagliare rami vecchi coriacei e secchi.

Capacità massima di taglio.
Rispettate la capacità massima di taglio riportata sulle istruzioni. Non tenendo conto di questo elemento rischiate di danneggiare seriamente il troncarami.

Gli ammortizzatori.
Sono due gommini presenti nel fulcro del tronacarami (dove si incrociano le due maniglie all'interno), sono molto utili in quanto evitano fastidiosi contraccolpi su braccia e polsi che non farebbero altro che rendere più duro il lavoro. I benefici di questi elementi si riscontrano specialmente nel taglio di rami duri e secchi.

Manici lunghi o corti?
Maggiore sarà la lunghezza dei manici minore sarà lo sforzo da applicare per eseguire il taglio. Ma tutto questo richiede una maggiore resistenza del fulcro e dei manici. Ciò non significa che quelli a manico corto non sono efficienti, come suddetto bisogna valutare cosa dobbiamo tagliare. Per certi tagli infatti, avere un troncarami con manici lunghi potrebbe solamente complicare il lavoro oltre che compromettere il risultato.

Sistemi moltiplicatori.
Alcuni troncarami sono dotati di meccanismi moltiplicatori. In pratica permettono di imprimere nel ramo una forza maggiore rispetto a quella esercitata sui manici, facilitando enormemente la fase di taglio. La presenza di questi meccanismi vi permetterà di tagliare comodamente anche i nodi presenti nel legno che ben spesso rendono assai difficile la vita al lavoratore.

Come tagliare.

Il ramo deve trovarsi nel punto del fulcro. Se tagliate il ramo con le punte della lama andate incontro a due problemi:
-vi affaticherete di più;
-non sfrutterete al 100% le potenzialità del troncarami;
-il taglio non risulterà netto, compromettendo così la salute della pianta stessa come suddetto.

Manutenzione
Buono che sia ogni attrezzo richiede sempre una certa manutenzione. In ogni momento bisogna assicurare alle lame un filo di taglio sempre efficiente, evitando sfrangiature potenziali fonti di attacchi batterici. Di questo elemento non ne risente solo la resa dell'attrezzo, ma anche la sicurezza vostra in primis e della pianta nei successivi tagli.
Dopo l'utilizzo vi consigliamo di pulire accuratamente le lame e di asciugarle con uno straccio al fine di evitare la formazione di ruggine che andrebbe a incidere sulla resa e sulla tenuta delle lame e di altri meccanismi.
Alla fine della stagione passate sulle lame e sugli ingranaggi un po' di lubrificante (CRC, WD40), contribuirà a proteggere le lame dall'umidità e le troverete inoltre già ben lubrificate per la prossima stagione.

Ultimi prodotti inseriti